Canti Pasquali antichi a San Costantino Calabro

Posted by Loredana - 29 marzo 2013 - Riflessioni - No Comments

A lu pedi di la cruci stava

l’afflitta e scunzulata di Maria.

Lu sangu di so Figgju ristillava,

o Tu,quantu si dolci, anima mia.

Sentu na vuci d’arretu a nu sciggju

chista è Maria chi piangi a lu so figgju.

Veni, Giuvanni, veni ca ti voggju

veni aiutami a piangiri a mio figgju;

porta nu niru mantu e mi comboggju

tu perdisti lu mastru e io lu figgju.

Io mo stasira comu mi ricoggju

senza l’affezionatu di mio figgju.

Avia nu figgju di trentatri anni

era curuna di la testa mia

e mo lu viju a la Cruci chi affanna

o chi si rispettusu, o Figlio mio.

E cara mamma mia si voi mu ciangi

a Munti Carvariu su nchiovatu Io:

No m’aspettari a la casa mu tornu

su condannatu di Pilatu ed Anna