Il malcontento è il primo passo verso il progresso

Posted by Loredana - 18 maggio 2012 - Riflessioni - No Comments

L’altra sera si parlava delle ormai  numerose associazioni presenti sul territorio di San Costantino Calabro. Ci chiedevamo quale sia stato l’incipit, l’inizio…il motore che ha  scatenato questo fenomeno.

A parte qualcuna presente ormai da molti anni, le associazioni sorte sono più di cinque, sono associazioni sportive per lo più ma anche culturali, politiche e di volontariato. Qualcuno ha detto che la civiltà e il progresso di un paese si misura dalle associazioni operanti sul territorio e a quanto pare noi non ci possiamo proprio lamentare.

Riflettendo, grazie a questa fioritura culturale, vi sono più  attività sportive, culturali e ricreative, più confronti ed incontri. Sussistono attualmente associazioni che si occupano di volontariato e di salvaguardia della pubblica sicurezza,  associazioni teatrali,associazioni che si occupano dell’organizzazione di eventi sportivi: gare podistiche, tornei di pallavolo,  calcetto saponato,  giochi antichi e tradizionali; gruppi sorti per promuovere antiche tradizioni come quella dei giganti, che  hanno fatto onore al nostro paese proprio di recente, in un raduno mondiale, svoltosi in Francia. Ragazzi che si avvicinano per la prima volta alla vita politica del paese, volendo contribuire attivamente e in modo propositivo alla rinascita di esso, promuovendo un modo diverso di fare politica.

Tutto ciò è scaturito, al  solo ed unico scopo di contribuire ad una maggiore attività ricreativa e culturale in un paese, purtroppo, privo di strutture idonee e privo di svaghi per bambini e ragazzi. La presenza quindi di associazioni del genere non può essere che positiva e assolutamente vantaggiosa per la comunità stessa.

Tornando quindi alla domanda iniziale credo che il motore che ha spinto numerosi giovani ad associarsi è stato il desiderio di riemergere da un torpore ormai datato, di farsi sentire, di voler partecipare al risveglio del nostro caro paese.